Nasco in una piccola cittadina alle pendici del vesuvio dove creare abiti è il lavoro più comune.
Tante aziende vivono nell’artigianato e nel confezionamento di abbigliamento, così come mio padre, che gestisce una piccola azienda per il confezionamento di abiti premam prima, e maschere in un secondo momento.
Comincio a interessarmi guardando il lavoro in fabbrica di mio padre e tra un taglio e una cucitura mi appassiono alla sartoria, al disegno e alla moda.
Mi iscrivo all’istituto delle belle arti con qualifica in sezione moda e costume e in seguito all’accademia della moda di Napoli con il massimo dei voti.
Nel 2006 vinco una borsa di studio a Pisa per un corso come modellista CAD e mi specializzo nella modelleria riuscendo a lavorare in una piccola azienda di moda bambino.
Vengo selezionata per il reparto modelleria kids Guess dove per otto anni sono responsabile sviluppo dei capi di tutte le collezioni europee del noto marchio.
Ed ora, dopo svariati anni di industria, la decisione di tornare all’artigianato si è fatta viva. Ed eccomi, come mio padre, a creare e sviluppare i miei amati capi nella culla del rinascimento e della moda, Firenze.